I prodotti tipici toscani

bicchiere di Chianti

La cucina italiana è una delle più amate al mondo, il motivo non è solo l’elevata qualità delle materie prime ma anche la grande varietà che caratterizza le diverse regioni. I piatti della tradizione riescono a seguire i cardini della dieta mediterranea e regione per regione si trovano delle gustose pietanze da provare; tra i territori più ricchi di prodotti tipici c’è la Toscana. Oggi vogliamo svelarvi una lista di prodotti tipici toscani che abbiamo scoperto durante un viaggio nella zona di Siena. Durante la nostra vacanza abbiamo gustato un pranzo presso l’azienda agricola antico Borgo San Lorenzo che ci ha permesso di scoprire da vicino tutti i prodotti tipici, le coltivazioni e le eccellenze locali di cui oggi vogliamo parlarvi. 

Sangiovese

Non possiamo che partire da un’eccellenza del territorio: si tratta del Sangiovese, un vino amatissimo per le sue caratteristiche organolettiche. Si tratta del vitigno a bacca nera più diffuso del Centro Italia e proprio in Toscana è quello autoctono più esteso. Da cosa deriva il nome? Probabilmente dalle prime località in cui è stato prodotto, cioè nella zona di San Giovanni in Valdarno ma c’è anche chi vede una forte assonanza con “Sangue di Giove”. Il vino, conosciuto per la sua acidità e per l’aspetto tannico ha una buona gradazione alcolica ma si distingue soprattutto all’olfatto che permette di riconoscere profumi di prugna, viola e ciliegia spesso mescolati con sentori speziati. Come si abbina? Grazie al suo sapore ricco, armonico e fruttato è perfetto in abbinamento con diverse specialità del territorio come carni rosse o formaggi stagionati. Dopo avercelo raccontato, l’azienda agricola Borgo San Lorenzo ci ha dato accesso ad una degustazione che vi consigliamo per un’esperienza di viaggio immersiva e coinvolgente.

Olio Extra Vergine Chianti Classico

Un secondo prodotto tipico da non perdere è l’olio extra vergine del Chianti Classico. Si tratta di un’eccellenza territoriale con una storia molto radicata; consumato a crudo riesce a dare un tocco in più ad ogni preparazione e si distingue sia per il colore che per il profumo inconfondibili. Non tutti sanno che l’Olio Extra Vergine del Chianti Classico è un prodotto DOP che ne certifica la grande qualità; uno dei motivi per cui viene apprezzato è che non solo è delizioso a crudo ma riesce anche a sopportare alte temperature senza subire alterazioni organolettiche. Di tradizioni molto antiche, è così amato da aver piantato numerosi ulivi che hanno reso il paesaggio collinare toscano tipico come lo conosciamo oggi. L’olio EVO Chianti Classico viene prodotto con olive costituite almeno all’80% provenienti da piante della varietà Frantoio, Correggiolo, Moraiolo e Leccino mixate al massimo al 20% di olive provenienti da altre varietà legate al territorio. Si riconosce per la tonalità di verde con sfumature dorate e non lascia dubbi all’olfatto: un profumo netto, fruttato, dai tocchi piccanti e leggermente amari. Come dà il suo meglio? Ovviamente sul pane fresco ma anche in abbinamento a piatti della tradizione come la ribollita e la panzanella.

Pane toscano

Il pane è uno degli alimenti più consumati in Italia, di regione in regione cambia: e anche la Toscana ha la sua versione. Conosciuto come “pane sciocco”, si distingue per l’assenza di sale che invece è presente nel pane laziale. Questa tipologia di preparazione si distingue grazie ad una crosta dura e ad una mollica consistente perfetta per accompagnare altre specialità tipiche del territorio. Ingrediente principale per crostini o bruschette, combinato con l’olio precedentemente citato è una vera goduria per il palato. 

Lardo di colonnata IGP

Tra i prodotti tipici del territorio c’è il lardo di colonnata IGP. Perché è tanto amato? Il suo sapore è unico al mondo tanto da sciogliersi in bocca; si tratta di uno dei prodotti più imitati al mondo ma anche uno dei più ricercati. Il suo tocco in più è dato certamente dalla stagionatura che prevede una concia aromatica di pepe, cannella, rosmarino, chiodi di garofano, salvia e altre spezie. 

Finocchiona

Un’altra specialità locale in tema di salumi è la finocchiona; si tratta di un insaccato a base di carne di maiale che si differenzia dal classico salame grazie all’aggiunta di semi di finocchio e vino rosso. Proprio questa particolarità dà il nome al prodotto. Questo prodotto ha una tradizione antica, già in tempi rinascimentali e tardo-medievali veniva preparata e gustata nella zona di Firenze, per poi conquistare tutta la Toscana. 

Pecorino di Pienza

Tra i prodotti del territorio toscano più amati ci sono i formaggi stagionati e in modo particolare spicca il pecorino di Pienza; prodotto con latte di pecora e stagionato in barriques vanta un sapore intenso che si abbina alla perfezione con i vini della tradizione. Fa parte dei prodotti agroalimentari tradizionali toscani e non va confuso con il pecorino toscano DOP, altrettanto buono ma differente nelle caratteristiche. Il formaggio di Pienza viene confezionato in forme tonde a facce piane, presenta una crosta liscia e ha un colore bianco dai tocchi giallo paglierino. La sua particolarità è data dal retrogusto tannico e di vinaccia dato dalla tipologia di stagionatura. 

Similar Posts